sentenza cassazione giugno 2017 - tit
MOTIVAZIONI 12 SETTEMBRE 2017

[MOTIVAZIONI DELLA CASSAZIONE 12 SETTEMBRE 2017]
RASSEGNA STAMPA

LE AGENZIE

QBXB, 12/09/2017
++ Strage Brescia:Cassazione, Maggi e' mandante certo ++
ZCZC6972/SXA
XCI10297_SXA_QBXB
B POL S0A QBXB
++ Strage Brescia:Cassazione, Maggi e' mandante certo ++
Motivazioni conferma ergastolo per lui e Tramonte 'partecipe'
(ANSA) - ROMA, 12 SET - "Il compendio probatorio acquisito
nei confronti di Maggi non lascia alcuno spazio per dubitare del
suo ruolo organizzativo" nella strage di Brescia (28 maggio
1974, otto morti e 102 feriti) "sul quale convergono non solo le
dichiarazioni accusatorie di Tramonte e di Digilio, ma tutti gli
altri elementi indiziari". Lo sottolinea la Cassazione nelle
motivazioni depositate oggi del verdetto che il 20 giugno ha
confermato l'ergastolo per i neofascisti Carlo Maria Maggi,
mandante, e Maurizio Tramonte partecipe del piano
stragista.(ANSA).
NM
12-SET-17 17:04 NNNN

QBXB, 12/09/2017
Strage Brescia:Cassazione, Maggi e' mandante certo (2)
ZCZC7231/SXA
XCI10514_SXA_QBXB
U POL S0A QBXB
Strage Brescia:Cassazione, Maggi e' mandante certo (2)
(ANSA) - ROMA, 12 SET - Ad avviso degli 'ermellini', "il
riferimento al ruolo organizzativo svolto dal Maggi nell'
organizzazione della 'strage di Piazza della Loggia' deve essere
ritenuto incontroverso e corroborato dal compendio probatorio"
acquisito nei diversi gradi di giudizio. Quanto a Tramonte, la
Suprema Corte rileva che e' lui stesso "dal luglio 1995 fino alla
sua ritrattazione, avvenuta il 14 maggio 2002" - e ritenuta
inattendibile - ad aver ammesso "di aver partecipato a una
pluralita' di riunioni in casa di Gian Gastone Romani, nel corso
delle quali Maggi aveva illustrato ai presenti le proprie teorie
eversive e gli sviluppi stragisti che ne sarebbero derivati". Il
dato processuale della partecipazione di Tramonte alle riunioni
- compresa quella nella quale si pianifico' la strage di Brescia
- "nell'ambiente dell'eversione di estrema destra veneta" e'
"incontroverso". Dopo il verdetto della Cassazione, Maggi che ha
80 anni e problemi di salute e' ai domiciliari a Venezia dove
vive, mentre Tramonte (65 anni) e' detenuto in Portogallo dove
era scappato. (ANSA).
NM
12-SET-17 17:20 NNNN

QBXB, 12/09/2017
ANSA/ Cassazione, Maggi mandante 'certo' della strage di Brescia
ZCZC9217/SXA
XCI11718_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB
ANSA/ Cassazione, Maggi mandante 'certo' della strage di Brescia
Tramonte c'era a riunioni preparatorie. Motivazioni ergastoli
(ANSA) - ROMA, 12 SET - "Il compendio probatorio acquisito
nei confronti di Maggi non lascia alcuno spazio per dubitare del
suo ruolo organizzativo" nella strage di Brescia (28 maggio
1974, otto morti e 102 feriti) "sul quale convergono non solo le
dichiarazioni accusatorie di Tramonte e di Digilio, ma tutti gli
altri elementi indiziari". Lo sottolinea la Cassazione nelle
motivazioni depositate oggi del verdetto che il 20 giugno ha
confermato l'ergastolo per i neofascisti Carlo Maria Maggi,
mandante di uno degli attentati piu' gravi degli anni della
'strategia della tensione', e Maurizio Tramonte partecipe,
giovanissimo, del piano stragista realizzato 43 anni fa.
Ad avviso degli 'ermellini', "il riferimento al ruolo
organizzativo svolto dal Maggi nell'organizzazione della strage
di Piazza della Loggia deve essere ritenuto incontroverso e
corroborato" da quanto emerso e raccolto nei diversi gradi di
giudizio di questo procedimento travagliato e che rischiava di
concludersi senza colpevoli prima che la Cassazione, nel 2014,
annullasse le assoluzioni emesse dalla Corte di Assise di
Appello di Brescia accusando i giudici di merito di aver
svalutato tutto il poderoso lavoro di indagine.
Quanto a Tramonte, la Suprema Corte rileva che e' lui stesso
"dal luglio 1995 fino alla sua ritrattazione, avvenuta il 14
maggio 2002" - un dietrofront ritenuto inattendibile - ad aver
ammesso "di aver partecipato a una pluralita' di riunioni in casa
di Gian Gastone Romani, nel corso delle quali Maggi aveva
illustrato ai presenti le proprie teorie eversive e gli sviluppi
stragisti che ne sarebbero derivati". Il dato processuale della
partecipazione di Tramonte alle riunioni - compresa quella nella
quale si pianifico' la strage di Brescia - "nell'ambiente dell'
eversione di estrema destra veneta" e' "incontroverso", come la
sua presenza in piazza della Loggia. Dopo il verdetto della
Cassazione, Maggi che ha 80 anni e problemi di salute e' ai
domiciliari a Venezia dove vive, mentre Tramonte (65 anni) e'
detenuto a Lisbona, in Portogallo, dove era scappato i giorni
precedenti l'udienza in Cassazione dello scorso giugno.
In autunno dovrebbe svolgersi l'udienza per l'estradizione di
Tramonte e senz'altro il deposito delle motivazioni degli
'ermellini' era uno degli atti attesi dai magistrati portoghesi
che si devono occupare del caso che, in base a notizie dello
scorso luglio, si annuncia di non scontata soluzione dato che in
Portogallo non e' prevista la condanna all'ergastolo.
Un passaggio delle 140 pagine di motivazioni della Cassazione
e' dedicato ai servizi segreti e al loro contributo, anch'esso
"incontroverso", nel rendere difficile la ricerca della verita',
tuttavia - per gli 'ermellini' - gli insabbiamenti non mettono
in discussione la colpevolezza di Maggi e Tramonte. Si tratta
praticamente degli unici imputati sopravvissuti ad archiviazioni
e proscioglimenti 'tombali' perche' non impugnati dalla procura,
come quello del fondatore del Msi Pino Rauti, assolto nel 2010,
come i supremi giudici richiamano alla memoria. Non si puo'
"dubitare - afferma l'alta Corte - del coinvolgimento dei
servizi segreti nelle attivita' investigative svolte, nel corso
degli anni, in relazione alla strage di Piazza della Loggia; a
fronte di tale dato, non si puo' tuttavia affermare, con analoga
perentorieta', che le attivita' di depistaggio siano rilevanti ai
fini dell'accertamento della responsabilita' degli imputati".
(ANSA).
NM
12-SET-17 19:17 NNNN


QBXB, 12/09/2017
Strage Brescia: Milani, sentenza prova le colpe
ZCZC0598/SXA
OMI14342_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB
Strage Brescia: Milani, sentenza prova le colpe
(v. 'Strage Brescia: Cassazione, Maggi e'...' delle 17:04)
(ANSA) - BRESCIA, 12 SET - "E' una sentenza che prova
l'incontrovertibilita' delle colpe anche se resta aperto
l'impegno nella ricerca dei responsabili che per quarant'anni ci
hanno impedito di arrivare a questa importante verita'". Cosi'
Manlio Milani, presidente della Casa della Memoria di Brescia,
parente di una delle vittime della strage di Piazza della
Loggia, commenta le motivazioni della sentenza all'ergastolo
pronunciata lo scorso 20 giugno nei confronti di Maurizio
Tramonte e Carlo Maria Maggi dalla Corte di Cassazione. Milani e'
in questi giorni a New York per commemorare le vittime dell'11
settembre.
"La sentenza fissa le responsabilita' di Maggi e Tramonte e
anche le ragioni per cui noi manifestanti quel giorno eravamo in
piazza" sostiene Milani. "Le motivazioni della decisione dei
giudici - aggiunge - dimostrano che aver avuto fiducia nella
forza della democrazia ci ha permesso di raggiungere questo
importantissimo obiettivo: la verita'". (ANSA).
YA3-RR
12-SET-17 21:19 NNNN

RASSEGNA STAMPA DEL 13 SETTEMBRE 2017

CORRIERE DELLA SERA BRESCIA 13/09/2017 1 Prima Pagina Redazione 3
GIORNALE DI BRESCIA 13/09/2017 1 Prima Pagina Redazione 4
BRESCIAOGGI 13/09/2017 1 Prima Pagina Redazione 5
BRESCIAOGGI 13/09/2017 6 Del Bono in classe: Vogliamo mettere i bambini al centro = Alla Mameli il sindaco lancia la rivoluzione Pizzuto Federica 7
CORRIERE DELLA SERA BRESCIA 13/09/2017 3 Strage: Maggi? Mandante certo = Strage, Maggi e' il regista Tramonte partecipo' al piano Wilma Petenzi Redazione 10
GIORNALE DI BRESCIA 13/09/2017 16 Strage, nessun dubbio Depositate le motivazioni = Strage: Nessun dubbio, sono stati Maggi e Tramonte Redazione 12
GIORNALE DI BRESCIA 13/09/2017 17 La formella delle vittime di stragi consegnata sotto il survivor tree Redazione 15
GIORNALE DI BRESCIA 13/09/2017 17 Milani: Si cerchi chi ha nascosto la verita' per anni Zenti Giovanna 16
BRESCIAOGGI 13/09/2017 12 Brescia-NewYork,no al terrore = Stragi, Brescia e New York unite nel dolore Bono Michela 17
BRESCIAOGGI 13/09/2017 12 Non ci sono dubbi, Maggi e' stato il mandante Redazione 19
AVVENIRE 13/09/2017 8 Cassazione: Maggi il mandante della strage del 1974 Guerrini Carlo 20

RPR2DD20170913093143831-sentenza [PDF]





*Il riepilogo di tutta la vicenda giudiziaria*

Il riepilogo di tutta la vicenda giudiziaria [pdf][testo-percorsi-giustizia-secondo-2017]

* * * LA CASSAZIONE CONFERMA LA SENTENZA DEL 22 LUGLIO 2015 * * *

Il 20 Giugno 2017 la Cassazione ha confermato gli ergastoli per Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte.
AGI, martedi' 20 giugno 2017
== Strage Brescia: Cassazione, ergastolo per Maggi e Tramonte =

== Strage Brescia: Cassazione, ergastolo per Maggi e Tramonte =
(AGI) - Roma, 20 giu. - Condanna all'ergastolo confermata per
Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte per la strage di piazza
della Loggia a Brescia. I giudici della prima sezione penale
della Corte di Cassazione hanno infatti respinto i ricorsi
presentati da Maggi, ex ispettore veneto di "Ordine nuovo", e
da Tramonte, ex fonte "Tritone" dei servizi segreti, contro la
sentenza emessa dalla Corte d'assise d'appello di Milano il 22
luglio 2015. Alla lettura del verdetto era presente in aula,
tra gli altri, Manlio Milani, leader del Comitato delle vittime
(la moglie rimase uccisa nella strage). Milani ha seguito
l'intera udienza del processo. (AGI)
bas
202332 GIU 17
NNNN

ANSA NAZIONALE, martedi' 20 giugno 2017
++ Strage Brescia: ergastolo per Maggi e Tramonte ++

ZCZC8968/SXA
XCI47157_SXA_QBXB
B POL S0A QBXB
++ Strage Brescia: ergastolo per Maggi e Tramonte ++
Lo ha deciso la Cassazione, conferma sentenza Corte d'assise
(ANSA) - ROMA, 20 GIU - La Cassazione ha confermato le
condanne all'ergastolo per i neofascisti Carlo Maria Maggi e
Maurizio Tramonte, accusati per la strage di piazza della Loggia
avvenuta a Brescia il 28 maggio 1974. Il verdetto conferma la
sentenza emessa in Corte d'assise d'appello di Milano il 22
luglio 2014, nel processo d'appello bis. Il pg della Suprema
Corte aveva chiesto la conferma del carcere a vita ricordando i
depistaggi delle indagini e dicendo che per il popolo italiano
"e' arrivata l'ora della verita'" su questa vicenda "che ha inciso
il tessuto democratico". (ANSA)
NM
20-GIU-17 23:34 NNNN



RASSEGNE STAMPA 20/21/22 GIUGNO


RASSEGNE STAMPA

Rassegna Comune di Brescia [pdf] Rassegna nazionale [pdf] Note di agenzia [pdf]
RASSEGNE 22 GIUGNO
Rassegna Comune di Brescia [pdf] Rassegna nazionale [pdf]

* * * MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA 22 LUGLIO 2015 * * *


MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA 22 LUGLIO 2015
(10 agosto 2016)
Presidente della Seconda Sezione della Corte d'Assise d'Appello di Milano Dr.ssa Anna Conforti

File pdf delle motivazioni della sentenza [pdf]
Dispositivo della Sentenza del 22 luglio 2015

File pdf del dispositivo della sentenza [pdf]


spaziatore
archivio fotoArchivio fotografico archivio audioArchivio audio archivio videoArchivio video